;

Borghetto – fiabesco borgo dei mulini sul fiume
e/o Parco Giardino Sigurtà

  • Solo Borghetto:
  • Durata: 2 ore
  • Costo: 140 Euro*
  • Parco Sigurtà:
  • Durata: 2,5 ore
  • Costo: 165 Euro*
  • Borghetto + Parco Sigurtà:
  • Durata: 4-5 ore
  • Costo: 260 Euro*

*Incluso il costo del trasporto; escluso il biglietto d’ingresso al Parco (12,50 euro a pers.)
Il parco è aperto da marzo a ottobre

Borghetto – fiabesco borgo di mulini sul fiume

Borghetto è un borgo magico sul fiume Mincio, poco noto alla maggioranza dei turisti; questo antico villaggio, con alcuni vecchi mulini sul fiume Mincio, si è trasformato nel tempo in un piccolo borgo meraviglioso, che sembra sia nato da una favola, e dal quale, in ogni punto del borgo,  si gode di un fiabesco panorama sul fiume.

Nel VIII-IX secoli i longobardi hanno costruito le loro prime abitazioni sulle sponde del fiume Mincio, vicino all’antico guado, che era noto già ai tempi dei romani.

L’origine del nome “borghetto” deriva dai longobardi, e significa “insediamento fortificato”, ma la tradizione lo interpreta come “Valle degli Dei”.

Alla fine del XIV secolo Gian Galeazzo Visconti costruì il ponte-diga attraverso il fiume, e del ponte-diga sono rimaste due arcate incomplete; nonostante le rovine il panorama rimane molto affascinante.

Fin dai tempi antichi l’acqua fu la fonte di vita e la più importante caratteristica del borgo. All’inizio del XV secolo Borghetto passò sotto il dominio di Venezia e da qui cominciò il periodo più fiorente della cittadina, grazie al lavoro dei mulini, che producevano farina dal grano e pulivano il riso.

Questi mulini li possiamo ammirare ancora oggi e tuttora rappresentano la più importante caratteristica del borgo.

Al giorno d’oggi nelle colorate casette dei mulini troviamo piccoli ristoranti e bar vicino alle rive, dove, degustando alcuni piatti tipici del luogo o un buon bicchiere di vino, si può ammirare la bellezza che ci circonda.

Un ponte di legno sopra il fiume attraversa il borgo, ed è attorniato da tantissimi vasi con bellissimi fiori, che riempiano Borghetto di colori. Qui è tutto veramente magico…

Questo è il posto ideale per i romantici, nel quale si può seguire con lo sguardo il corso del fiume e le papere che nuotano nell’acqua.

Ogni anno migliaia di turisti vengono a visitare questo luogo magico.

* Nella stessa giornata si potrebbe unire l’escursione a Mantova o a Verona (la distanza è di 30-35 minuti in macchina).

** L’escursione per Mantova non è consigliata il giovedì, in questo giorno in città si svolge il mercato settimanale ed è difficile trovare parcheggio.

Ci vediamo a Borghetto,
la vostra guida Kristina.

L’incantevole Parco Giardino Sigurtà

Il Parco Giardino Sigurtà è situato a Valeggio sul Mincio a distanza di alcuni chilometri da Verona.

il Parco Sigurtà ha ricevuto due riconoscimenti importanti:

“Parco Più Bello d’Italia 2013” e “Secondo Parco Più Bello d’Europa 2015”. 

La storia del Parco Giardino Sigurtà risale al 1407, quando Girolamo Niccolò Contarini acquistò questo pezzo di terra circondato dalle mura per poterlo coltivare. Vicino alla casa è sempre esistito un piccolo giardino dove riposavano i nobili e proprio da qui nacque il parco. Nel tempo si sono susseguiti diversi proprietari.

Alla metà del XX secolo il parco fu acquistato dal Dottor Giuseppe Carlo Sigurtà, che avviò importanti lavori di riqualificazione, con i quali il parco si è ingrandito da 22 a 60 ettari.

Oggi i suoi figli continuano a prendersi cura di questo verde tesoro con immutata passione, e camminando nel parco si percepisce ovunque un piacevole profumo delle diverse erbe.

A perenne memoria di Carlo Sigurtà, fondatore del parco, fu posta la sua statua sulla collina più alta del parco. Si può spaziare con la vista su ampi campi verdi e una ricca vegetazione. Nel parco ci sono tanti fiori bellissimi e una grande varietà di piante esotiche, tra le quali si distinguono gli aceri rossi.

Si possono vedere le grandi piscine con le ninfee sull’acqua e molti laghetti, dove nuotano le carpe giapponesi.

Vedremo moltissime aiuole con tulipani multicolori che rallegrano lo sguardo nel mese di aprile; in questo periodo favorevole migliaia di coloratissimi tulipani fioriscono lungo i sentieri e sulle sponde del parco.

La passeggiata attraverso il meraviglioso Viale delle Rose, non lascia mai indifferenti. All’inizio di primavera, con i primi caldi, a fianco del viale fioriscono più di trentamila rose rosa. Di fronte, come nelle favole, si lo sguardo si posa sui resti di un castello antico, dove già da alcuni secoli sopravvive una leggenda.

Nel paco si può leggere una poesia sulla Pietra della giovinezza, vedere il piccolo tempio Eremo sulla collina, passeggiare lungo il Labirinto fatto di numerosi esemplari di tasso e poi arrivare fino alla Grotta.

La storia del parco è legata ad alcuni personaggi storici come l’Imperatore Francesco Giuseppe I d’Austria e l’Imperatore Napoleone III di Francia. Arrivando al Poggio degli Imperatori,  vi illustrerò la storia di alcuni importanti avvenimenti storici che sono accaduti proprio qui alla metà del XIX secolo.

Lungo la passeggiata sul viale dei cipressi potremo ammirare il belvedere di Romeo e Giulietta e conoscere la sua storia.

Nel parco si trova la Meridiana Orizzontale e il giardino con le erbe medicinali; troveremo il recinto dei daini, inoltre esiste la piscina con le tartarughe dalla California e molto altro.

Nel programma dell’escursione: brevi cenni storici degli avvenimenti accaduti nel parco, passeggiando immersi fra le più svariate qualità di piante e una grande quantità di fiori colorati.

* Nella stessa giornata della visita al parco si può unire l’escursione a Mantova o a Verona (la distanza è di 30-35 minuti in macchina).

Ci vediamo nel Parco Giardino Sigurtà,
la vostra guida Kristina.